Indicom news

Tutte le news dal mondo Indicom

Tardiva emissione della fattura elettronica: le sanzioni

tardiva-emissione-della-fattura_elettronica
Scopriamo quali sono le sanzioni previste per la tardiva emissione della fattura elettronica.

La tardiva emissione della fattura elettronica può comportare sanzioni significative per aziende e professionisti.

Per evitare di incappare in tali provvedimenti è bene ricordare che i termini di emissione delle FE variano a seconda delle loro tipologie. Infatti, che si tratti di fatture immediate o fatture differite, vi sono due precise scadenze da rispettare.

Le prime, ad esempio, devono rientrare nei 12 giorni successivi all’effettuazione dell’operazione, così come stabilito dall’art.6 del DPR 633/72. Lievemente diverso il discorso per le fatture elettroniche differite. Esse, infatti, devono essere emesse e registrate entro il 15° giorno del mese successivo all’effettuazione dell’operazione. Sempre previa indicazione del mese di riferimento della prestazione.

Le sanzioni previste

Per la tardiva emissione della fattura elettronica sono previste sanzioni dal 90% al 180% dell’imposta, con importo minimo previsto di 500 euro, così come riportato dagli artt. 2-bis e 4 del Dlgs. N.471/1997:

2-bis. Nelle ipotesi di cui all’articolo 2, commi 1, 1-bis e 2, del decreto legislativo 5 agosto 2015, n. 127, se le violazioni consistono nella mancata o non tempestiva memorizzazione o trasmissione, ovvero nella memorizzazione o trasmissione con dati incompleti o non veritieri, la sanzione e’ pari, per ciascuna operazione, al novanta per cento dell’imposta corrispondente all’importo non memorizzato o trasmesso. Salve le procedure alternative adottate con i provvedimenti di attuazione dell’articolo 2, comma 4, del decreto legislativo 5 agosto 2015, n. 127, la sanzione di cui al primo periodo del presente comma si applica anche in caso di mancato o irregolare funzionamento degli strumenti di cui al medesimo comma 4. Se non constano omesse annotazioni, in caso di mancata tempestiva richiesta di intervento per la manutenzione o di omessa verificazione periodica degli stessi strumenti nei termini legislativamente previsti si applica la sanzione amministrativa da euro 250 a euro 2.000.

4. Nei casi previsti dai commi 1, primo e secondo periodo, 2, primo periodo, 2-bis, primo periodo, 3, primo e secondo periodo, e 3-bis la sanzione non puo’ essere inferiore a euro 500.

Tardiva emissione della fattura elettronica: il ravvedimento operoso

In base a quanto stabilito dall’articolo 13 del D.Lgs. 472/1997, è possibile ridurre le sanzioni in caso di tardiva emissione della fattura elettronica. Ciò è reso possibile facendo ricorso al ravvedimento operoso che prevede le seguenti casistiche:

– la sanzione è ridotta ad un nono se la regolarizzazione degli errori e delle omissioni avviene entro 90 giorni dalla data dell’omissione o dell’errore;

– ridotta ad un ottavo, se la regolarizzazione degli errori e delle omissioni, avviene entro il termine per la presentazione della dichiarazione IVA relativa all’anno nel corso del quale è stata commessa la violazione;

– la sanzione è ridotta ad un settimo se la regolarizzazione degli errori e delle omissioni avviene entro il termine per la presentazione della dichiarazione IVA relativa all’anno successivo a quello nel corso del quale è stata commessa la violazione;

– ridotta ad un sesto del minimo se la regolarizzazione degli errori e delle omissioni avviene oltre il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all’anno successivo a quello nel corso del quale è stata commessa la violazione.

Infine, ricordiamo che gli utenti possono eseguire il pagamento delle sanzioni tramite modello F24, compilando la sezione erario (codice tributo 8911).

Fattura elettronica forfettari: la moratoria per le sanzioni

L’articolo 18, comma 2 del Dl 36/2022 ha esteso l’obbligo di fatturazione elettronica anche ai forfettari che nel 2021 hanno conseguito compensi/ricavi superiori a 25mila euro.

In riferimento alle possibili sanzioni di cui sopra, lo stesso articolo 18 ha previsto una moratoria per i contribuenti forfettari. Infatti, con riferimento alle operazioni effettuale nel terzo trimestre 2022, non si applicheranno sanzioni ai contribuenti forfettari in caso di tardiva fatturazione. A condizione, tuttavia, che i documenti siano emessi entro il mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione. In sostanza:

  • Per le operazioni effettuate nel mese di luglio il termine ultimo per l’emissione è stato il 31 agosto
  • Per le operazioni effettuate nel mese di agosto il termine ultimo per l’emissione sarà il 30 settembre
  • Per le operazioni effettuate nel mese di settembre il termine ultimo per l’emissione sarà il 31 ottobre

A partire dalle operazioni effettuate dal 1° ottobre 2022 non sarà prevista più alcuna moratoria. Per questo motivo anche i forfettari dovranno rispettare il termine dei 12 giorni per le fatture immediate. Oppure, entro il 15 del mese successivo per le fatture differite.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Leggi la politica sul trattamento dei dati personali

Resta aggiornato!

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere i nostri ultimi aggiornamenti dedicati alla digitalizzazione aziendale e al business process outsourcing 

Leggi la politica sul trattamento dei dati personali